RESIDENZA MFA

LUOGOCattolica (RN)
ANNO2023
CLIENTEPrivato
SERVIZIOProgettazione e D.L.
TIPOResidenza

I nostri clienti, due giovani fratelli, avevano la necessità di ricavare da un fabbricato in disuso da almeno 20 anni due unità immobiliari residenziali. Il punto di partenza era un fabbricato edificato negli anni ‘50 e composto da due unità immobiliari al piano terra, di cui una a uso residenziale e una a uso commerciale, e un’unità residenziale al piano primo. Il progetto aveva come obiettivo il miglioramento energetico dell’edificio, la riduzione del rischio sismico e la riqualificazione dei caratteri architettonici, con una nuova distribuzione interna ed una più coerente proposta di facciata, in armonia con il contesto. Tramite una nuova distribuzione planimetrica degli ambienti interni è stato possibile realizzare due abitazioni autonome, sviluppate su due livelli e dotate di accesso indipendente. Tali modifiche hanno implementato non solo la funzionalità e flessibilità dell’edificio ma anche il comportamento strutturale complessivo, con la realizzazione di un nuovo telaio in cemento armato e la realizzazione di una nuova copertura in legno. Per quanto riguarda la facciata su via Del Porto, sulla quale era imposto un vincolo di conservazione, si è proceduto ad un attento studio dei caratteri architettonici

e morfologici del contesto. In particolare si è deciso di eliminare il rivestimento in mattoni faccia vista che risultava essere un elemento architettonico, sia storicamente che attualmente, in contrasto con il linguaggio formale riscontrabile nell’area. Il progetto prevede l’inserimento di una serie di portefinestre di dimensioni costanti su entrambi i livelli dell’edificio. Le portefinestre sono poi dotate di scuri scorrevoli in legno naturale che diventano il tema principale della facciata e si vanno a sovrapporre ad una finitura in intonaco bianco. Le bucature e i relativi scuri finiscono per donare alla facciata una ritmica particolarmente armoniosa e suggestiva. Internamente, entrambe le residenze presentano un carattere contemporaneo con pavimenti in resina dalle tonalità chiare nella zona giorno e in parquet nella zona notte. Anche nei servizi igienici si è optato per l’utilizzo di resina che è stata adottata anche per il rivestimento a parete. In definitiva siamo riusciti ad ottenere un edificio a schiera composto da due unità immobiliari dal carattere contemporaneo e con una soluzione di facciata particolarmente innovativa ma in armonia col contesto storico in cui è inserita.

RESIDENZA MFA

LUOGOCattolica (RN)
ANNO2023
CLIENTEPrivato
SERVIZIOProgettazione e D.L.
TIPOResidenza

I nostri clienti, due giovani fratelli, avevano la necessità di ricavare da un fabbricato in disuso da almeno 20 anni due unità immobiliari residenziali. Il punto di partenza era un fabbricato edificato negli anni ‘50 e composto da due unità immobiliari al piano terra, di cui una a uso residenziale e una a uso commerciale, e un’unità residenziale al piano primo. Il progetto aveva come obiettivo il miglioramento energetico dell’edificio, la riduzione del rischio sismico e la riqualificazione dei caratteri architettonici, con una nuova distribuzione interna ed una più coerente proposta di facciata, in armonia con il contesto. Tramite una nuova distribuzione planimetrica degli ambienti interni è stato possibile realizzare due abitazioni autonome, sviluppate su due livelli e dotate di accesso indipendente. Tali modifiche hanno implementato non solo la funzionalità e flessibilità dell’edificio ma anche il comportamento strutturale complessivo, con la realizzazione di un nuovo telaio in cemento armato e la realizzazione di una nuova copertura in legno. Per quanto riguarda la facciata su via Del Porto, sulla quale era imposto un vincolo di conservazione, si è proceduto ad un attento studio dei caratteri architettonici e morfologici del contesto. In particolare si è deciso di eliminare il rivestimento in mattoni faccia vista che risultava essere un elemento architettonico, sia storicamente che attualmente, in contrasto con il linguaggio formale riscontrabile nell’area. Il progetto prevede l’inserimento di una serie di portefinestre di dimensioni costanti su entrambi i livelli dell’edificio. Le portefinestre sono poi dotate di scuri scorrevoli in legno naturale che diventano il tema principale della facciata e si vanno a sovrapporre ad una finitura in intonaco bianco. Le bucature e i relativi scuri finiscono per donare alla facciata una ritmica particolarmente armoniosa e suggestiva. Internamente, entrambe le residenze presentano un carattere contemporaneo con pavimenti in resina dalle tonalità chiare nella zona giorno e in parquet nella zona notte. Anche nei servizi igienici si è optato per l’utilizzo di resina che è stata adottata anche per il rivestimento a parete. In definitiva siamo riusciti ad ottenere un edificio a schiera composto da due unità immobiliari dal carattere contemporaneo e con una soluzione di facciata particolarmente innovativa ma in armonia col contesto storico in cui è inserita.